Circolo la Rocca

CIRCOLO LA ROCCA DOVE TROVARCI ON LINE

RIPRENDIAMO LE PUBBLICAZIONI ANCHE SU QUESTO BLOG LA ROCCA CHE AVEVAMO LASCIATO IN PAUSA A CAUSA DELLE ATTIVITA’ DI MOSAICO ITALIANO, IN QUESTA FASE AVENDO COME CIRCOLO PROMOSSO ED ADERITO ALLA FONDAZIONE DELLA LISTA GENTE DI MILANO, SINO ALLE COMUNALI DI MILANO, METTEREMO IN PAUSA "MOSAICO ITALIANO"".
PER CHI VOLESSE SEGUIRE LA NOSTRA ATTIVITA’ :
http://www.circololarocca.it/

http://blog.libero.it/larocca/

https://twitter.com/CircoloLaRocca

face book Circolo La Rocca e Gente di Milano

Annunci

democrazia senza partiti

DEMOCRAZIA SENZA PARTITI.

Le liste civiche che stanno nascendo o rinascendo in tutta la nostra penisola paiono essere un momento di speranza per quadro politico italiano ove un italiano su due diserta le urne e ritiene la politica un luogo di malaffare.

Speranza di un cambio di passo della vita politica e dei politici, che si caratterizzi in una rottura dagli schemi verticistici dei partiti romani.

Speranza di rottura dalle segreterie politiche e dai padroni e padrini che impongono programmi e uomini lontani dal bene comune e vicini a loro interessi personali o di lobby.

Una rottura, dunque, da “padrini e padroni” nel nostro agire nella vita pubblica.

Che il cambiamento sia necessario è sotto gli occhi di tutto coloro che vedono in maniera realistica il presente, la tangentopoli romana di questi giorni ci serve da sveglia nel caso ci fossimo addormentati sul punto, per la necessità di cambiamento.

Siamo stati il paese dei mille campanili, mille e piu’ municipalità, capaci di essere vicine ai cittadini, di non farli sentire periferia di un lontano dispotico potere centrale, che li opprimeva con mille balzelli senza dare nulla in cambio.

E’ evidente come la crisi della politica abbia toccato anche le amministrazioni periferiche, attraverso clientelismo, nepotismi, scandali, inchieste giudiziarie, sprechi, inefficienze.

La crisi però non risiede solo nel fallimento dei progetti politici, ma nasce prima e soprattutto nel crollo della tensione ideale di questi ultimi, nel venir meno di una integrale esperienza umana, che attraverso un’educazione civica, puntasse a sentire delle persone, al bene comune e non a meccanicistici o interessati obiettivi di utilità immediata.

Si tratta di un tema antico in Italia, addirittura preunitario.

In molti italiani che non si arrendono, è sorta la consapevolezza di come si proceda nella “prassi del compromesso” – naturalmente si intende quello non virtuoso – si persista nei vecchi sistemi di trasformismo politico, di selezione della classe politica, non in ragione delle eccellenze personali, ma di criteri di amicizia, in un orizzonte di grandi promesse, faraonici piani e di modeste o nulle realizzazioni, in ultima analisi di una “demagogia parolaia”, complici i mass media sempre piu’ condizionati e controllati.

Già nel dopo guerra questa analisi e le soluzioni erano state proposte da Adriano Olivetti (1901 – 1960). Si tratta di una delle piu’ influenti e singolari figure del novecento. Straordinario imprenditore, fine intellettuale e politico fuori dal coro.

Fu un innovatore delle scienze sociali e precursore dell’urbanistica.

Tra il 1930 ed il 1960 ebbe a condurre la fabbrica di macchine da scrivere del padre, portandola ai vertici del successo mondiale e dell’innovazione tecnologica.

Convertitosi al cattolicesimo, elaborò un progetto di riforma sociale in senso comunitario, ancor oggi riconosciuto come tra le realizzazioni piu’ attuali ed avanzate di sostenibilità.

Nel suo libro “Democrazia senza Partiti” ripubblicato nel 2013, dalla Casa Editrice “Edizioni di Comunità”, prima di riaffermare che : ” Il fine della nostra azione politica è stato posto concretamente: lo stabilirsi di una civiltà cristiana” (cfr. pag.54) descrivendo nelle pagine successive i caratteri di tale civiltà: libertà, riconoscimento dell’idea di autorità, divisione dell’attività politica in ordini funzionali, Adriano Olivetti, ci insegna come : ” Il compito dei partiti sarà esaurito e la politica avrà un fine quando sarà annullata la distanza fra i mezzi e i fini, quando cioè la struttura dello Stato e della società giungeranno ad un’integrazione, a un equilibrio per cui sarà la società e non i partiti a creare lo Stato” ( cfr. pag.43).

La lettura di “Democrazia senza partiti” aiuta nella prima parte a fondare le ragioni del civismo, ove come detto, riprende il tema antico del partitismo in Italia, ancora oggi insoluto, prendendo spunto da alcuni illustri intellettuali o politici sul tema, fra cui pare utile qui citare e in cui noterete un’attualità sorprendente:

1) ” Gli schemi in cui si svolge la vita politica nostra (i partiti) non consentono agli uomini sufficiente vitalità. Gli uomini cercano, nella vita pratica, realtà ideali concrete che comprendano i loro bisogni e le loro esigenze. Oggi i partiti si sono limitati a formule vaste ed imprecise, da cui nulla si può logicamente e chiaramente dedurre (…) Nella vita attuale dei partiti di concreto c’è solo un circolo pernicioso per cui gli uomini rovinano i partiti, e i partiti non aiutano il progresso degli uomini” (pag.16) Piero Gobetti (1901 – 1926);

2) ” Le voci di parte e di setta (…) son rissose e non pacifiche, intolleranti e non conciliative, parziali e non eque, eccessive e non moderate, volgari e non generose, sollecite di se stesse anzichè della Patria, e licenziose intorno ai mezzi per sortire l’intento loro. Tanto che, assommata ogni cosa, tengono piu’ o meno del rovinoso e del retrogrado anche quando si credono progressive o conservatrici” (pag.27) Vincenzo Gioberti (1801 – 1852);

3) ” Ciò che impedisce la giustizia e la morale sociale sono i partiti politici. Ecco il verme che rode la società, che confonde le previsioni dei filosofi, che rende vane le piu’ belle teorie. In qual nodo adunque la civile associazione si difenderà da pericolo dei partiti? Ecco uno dei piu’ difficili problemi per l’uomo di Stato, per la filosofia politica” (pag. 28) Antonio Rosmini ( 1797 – 1857);

4) ” A prova della possibilità di un Governo libero senza essere un Governo di partito, si additerà qualche cantone delle Svizzera, dove nel Consiglio di Stato, che è la potestà esecutiva, si trovano uniti uomini e donne di opinioni diverse, anzi opposte. Il che avviene per effetto del modo d’elezione, la quale non viene dall’assemblea, ma direttamente dal popolo. E così manca uno dei cardini del sistema parlamentare, cioè che il potere esecutivo non possa reggersi che sostenuto dalla fiducia dell’assemblea elettiva (…). La ragione e l’esperienza dimostrano che il Governo parlamentare è un Governo di partito e come tale ha la tendenza a favoreggiare gli amici e ad opprimere gli avversari e quindi si ingerisce indebitamente nella giustizia e nell’amministrazione, e ne perturba l’andamento e ne guasta gli effetti salutari” (pagg. 28 – 29 ) Marco Minghetti (1818 – 1886).

Son passati due secoli ma nulla è cambiato.

E allora quali i rimedi per ieri, oggi e domani?

Dapprima con Adriano Olivetti ricordiamo, come la nostra Comunità sia : “Il luogo di incontro del tuo prossimo (Ricordate bene: il vostro prossimo è quello che potete e dovete soccorrere perchè il destino l’ha posto davanti a voi perchè l’avete incontrato) (pag.62) e che: “Solo mirando ad un ordine fondato su leggi e mete spiritualì, quest’azione è concretamente possibile. Perciò ogni altra strada, ogni altro metodo, ogni altra ideologia è illusione vanità o menzogna” (pag.72).

Oggi piu’ che mai occorre prendersi la libertà di sceglierci i nostri rappresentanti senza mistificazioni, costituendo liste civiche dal basso, a livello locale, comunale, si tratta di un punto di vista di ripresa, di una politica che superi gli schemi consunti e consueti, in favore del bene comune.

Tutte le elezioni locali siano, dunque il momento per far ripartire la politica dal basso e per coinvolgere di nuovo la gente, il popolo intorno ad essa, in una rinnovata responsabilità verso i bisogni della gente.

Il mandato politico sia, nella sua vera essenza, cioè un atto di fiducia degli uomini in un uomo, in un gruppo di uomini, quest’ultimo pare un concetto molto semplice, ovvio, ma nella prassi non accettato e soprattutto non praticato.

Occorrono uomini di cui si conoscano le idee, i comportamenti, i progetti, la vita, che sappiano interpretare innovazione e tradizione, che vivano la politica come servizio alle proprie comunità, alle proprie famiglie, attività. Che dalle proprie comunità siano scelti direttamente e che ad esse rendano conto della loro azione politica.

Si può fare, coraggio, già in molti siam partiti, ma senza “partiti”.

Benedetto Tusa

Doc. democrazia senza partiti- 2.doc

cancellazione casella mail benedetto.tusa@fastwebnet.it

Dal 31 maggio scorso per motivi tecnici la casella benedetto.tusa non è più in uso.

Le uniche mie caselle di riferimento sono :

tusab

benedetto.tusa

Per chi mi ha scritto dal 30 maggio ad oggi Vi prego di inoltrarmi la corrispondenza a una di queste due caselle in uso.

Grazie e scusate l’incomodo

Benedetto Tusa

Liste civiche avanti

Giacomo Poretti: Quanto si mangia nella Bibbia! | Tempi.it

http://www.tempi.it/videogallery/quanto-si-mangia-e-si-beve-nella-bibbia-lo-show-di-giacomo-poretti#.VVsiq6hyxDt

10 May, 2015 12:45

Isalm a Milano

Italicum

Un testo che, andando a riguardare le bozze iniziali, nel corso del tempo ha subito tanti di quei cambiamenti da risultare irriconoscibile.

Italicum
Dopo il Proporzionale puro, il Mattarellum e il Porcellum, sta per arrivare dunque l’Italicum, il sistema elettorale che utilizzeremo a partire dal 1°luglio 2016, basato su 5 capisaldi:Proporzionale, premi di maggioranza, soglie di sbarramento, circoscrizioni provinciali e doppio turno.

Sembra dunque opportuno stilare una breve guida sul suo funzionamento, e cercare di capire cosa dovranno fare gli italiani per esprimere la loro preferenza. Ecco dunque, la guida all’Italicum

Riferimenti
Il punto di riferimento principale è senza dubbio il sistema elettorale spagnolo, adattato e modificato per rispondere alle esigenze dei partiti politici italiani. È essenzialmente un sistema proporzionale, ma a differenza di quello spagnolo, i seggi verranno calcolati su base nazionale e non provinciale, favorendo dunque i piccoli partiti che sarebbero stati molto svantaggiati dal «calcolo provinciale».

Soglie
Sulle soglie di sbarramento il dibattito è stato lungo e a tratti molto teso. Alla fine si è deciso di fissare la soglia al 3% per tutti i partiti. In precedenza invece, la vecchia versione prevedeva.

il 4,5% per i singoli partiti aderenti alle coalizioni;
l’3% per i partiti non coalizzati;
il 12% per le coalizioni.
Da sottolineare che il DDL prevede anche una soglia di sbarramento riservata alle minoranze linguistiche nelle regioni che lo contemplano: 20% dei voti nella circoscrizione in cui viene presentata la lista.

Importante ricordare inoltre che se un singolo partito aderente ad una coalizione non raggiunge la soglia del 3%, i suoi voti concorrerebbero ad ottenere il premio di maggioranza, ma il partito non potrebbe entrare in Parlamento.

Circoscrizioni e liste
Vengono ridimensionate le circoscrizione, ma aumenta il numero. Si avrà una circoscrizione ogni 600.000 abitanti per un totale di 100. In ognuna di queste verranno presentate liste più piccole con in media sei candidati per ciascuna. Per i capilista rimane valido il «sistema bloccato» previsto in precedenza, mentre a partire dal secondo eletto scatteranno le preferenze (2 per ogni votante).
Un singolo candidato potrà presentarsi al massimo in 10 collegi diversi. Almeno il 40% dei capilista presentati saranno donne.

Premio e doppio turno
Allo scopo di non ricreare la situazione verificatasi nel corso delle ultime elezioni (quelle di febbraio 2013 per intenderci) e garantire la governabilità, l’Italicum prevede sia il premio di maggioranza che il doppio turno.

Il premio di maggioranza del 15% scatta se un partito o una coalizione raggiunge il 40% delle preferenze degli elettori. In totale si può dunque arrivare ad un massimo del 55%, che corrisponde a 340 seggi su 617.

Nel caso in cui nessuno riuscisse a superare il 40%, si andrebbe al doppio turno, allo scopo di assegnare il premio. Potranno accedervi solo i due partiti o coalizioni che avranno ottenuto il maggior numero di voti al primo turno. Dalla seconda tornata uscirà vincitore un singolo partito o coalizione e otterrà un premio di maggioranza che permetterà di arrivare a 327 seggi (53%).

In tal modo, qualsiasi risultato si otterrà al primo turno, un partito (o coalizione) potrà governare.

Eccezioni
Valle d’Aosta e le province di Trento e Bolzano risultano escluse dal proporzionale. Per loro saranno attivi 9 collegi uninominali così suddivisi: 8 in Trentino Alto Adige e 2 in Valle d’Aosta. Nel caso in cui i candidati trentini superassero gli 8 seggi, questi verranno distribuiti utilizzando il sistema proporzionale.
Il seggio previsto per la Valle d’Aosta e i 12 seggi previsti per i deputati eletti all’estero non vengono conteggiati nel calcolo relativo al premio di maggioranza).

Quote rosa
Per quanta riguarda le quote rosa, la nuova stesura dell’Italicum prevede che entrambi i sessi siano rappresentati in misura massima del 50%. All’interno delle liste nessun genere potrà essere presente per più di due volte consecutive.

Il 40% è la soglia massima dei capilista per entrambi i sessi, mentre le due preferenze dell’eelettore, dovranno essere relative a due candidati di sesso diverso, pena la nullità della seconda preferenza.