"Grappoli di piccole luci brillavano su tutta la linea tedesca. Avevano disposto degli alberi di Natale di fronte alla loro trincea, illuminati con candele e lumini. Nel frattempo gruppi di due o tre uomini uscivano dalle trincee e venivano verso di noi. In pochi minuti eravamo nella terra di nessuno. Stringendo le mani a uomini che avevamo cercato di ammazzare poche ore prima. Sono uomini con case e famiglie, paure e speranze e, si, amor di patria. Insomma sono uomini come noi"… Una storia di cent’anni fa, per non dimenticare che, anche in un tempo come il nostro, c’è bisogno di tanta Umanità. Buon Natale di cuore con l’augurio che il Santo Bambino re della pace visiti i nostri cuori. Benedetto Tusa

Annunci